Poezia-naturii-natura

 

Logo Design by FlamingText.com

 

Logo Design by FlamingText.com

Pagina muzicala .
Nostalgie
Mai plouă încă vara cu stropi mărunţi şi grei,
mai ninge încă iarna prin parcuri şi alei,
petale mai aşterne o nouă primăvară
şi ne trezim din nou că toamnă e afară.

Duc o povară grea de doruri şi suspine,
dar primăvara vrea să vin acum la tine;
mă scutur de ninsoare,îmi pun o haina verii
aşa trece şi toamna trăind o clipa a vremii.


Îmi vine dor de ducă, spre ţara ta pornesc,
căci  ea e primăvara la care mai tânjesc;
aici o să rămână doar toamna ţi ninsoarea;
îţi las pe o noptiera cu fulgi scrisă scrisoarea.

 Mă-ntorc însa acasă căci am dorinţe multe,
chiar dacă haina-i grea de amintiri ce-s mute;
iubesc pământul care se-mbracă rând pe rând
în stropi şi  în petale, în  frunze-n fulgi râzând.
O să mai vin la tine în soare să mă scald,
să văd cerul şi marea topindu-se de cald ;
departe o să las o vară şi-un gând mic,
să--mi spună-n toamna vieţii că mă iubeşti un pic.
 
Daca pasarile ar vorbi...
Daca pasarile ar vorbi,
ne- ar spune
ca hainele noastre
nu au culorile
penelor lor
si aripile noastre
nu se deschid
in zbor spre infinit.
Daca pasarile ar vobi,
ne- ar cere
sa nu mai inchidem
sperantele noastre
intre gratiile vietii,
precum privirile triste
ale fratilor lor
care traiesc in colivie.
Vocea lor se stinge
cand zgomotul
sparge linistea
noptii
aprinsa de focul
mortii.
Penele
se sperie si
toate culorile
cad pe pamant,
calcate in picioare
de bocancii razboiului,
in timp ce zborul deschis
e inchis de cel al aripilor de metal.
Daca pasarile ar vorbi,
ne- ar spune unde este ascuns
zborul nostru larg,
cine picteaza chipurile noastre
in intunericul ochilor negri
si cine ne da penele albe
ale Pacii.
Marilena Rodica Chiretu
 

Se gli uccelli parlassero…
Se gli uccelli parlassero
ci direbbero
che i nostri vestiti
non hanno i colori
delle loro piume e
le nostri ali
non si aprono
al volo dell' infinito.
Se gli uccelli parlassero
ci chiederebbero
di non ingabbiare più
le nostre speranze
tra le griglie della vita,
come gli sguardi tristi
dei loro fratelli
viventi in gabbia.
La loro voce si spegne
quando il fracasso
rompe il silenzio
della notte
accesa dal fuoco
della morte.
Le piume
si spaventano
e tutti i colori
cadono in terra,
calpestati dagli scarponi
della guerra,
mentre il loro volo aperto
è chiuso da quello delle ali 
di metallo.
Se gli uccelli parlassero,
ci direbbero dov' è nascosto
il nostro largo volo,
chi dipinge i nostri volti
nell' oscuro degli occhi neri
e chi ci dà le piume bianche
della Pace.
Marilena Rodica Chiretu
15 agosto 2005
 
Il volto dalla nuvola
Mi sveglia presto la mattina
con un raggio timido della luna,
un’ombra ha scolpito il passato sul viso,
ma il silenzio è morto
man mano sulle labbra
fermando il barlume della luce
nella sorgente della meraviglia.
Ho nostalgia del campo
acceso da farfalle e fiori,
dell’erba che dondola la sua seta,
del canto della zampogna dall’orcio
che conserva l’acqua delle profondità
per la radice smarrita nella lontananza,
dell’ autunno che canta la sera,
di tutto ciò che non muore
di buon' ora.
Ho nostalgia dei tuoi occhi profondi
come il giorno nella bufera,
del bosco con fragranze di pino,
dei pensieri collocati sulle labbra,
delle labbra che vorrei sorseggiare
come il raggio del mattino di rugiada;
ma sei solo una bella fotografia
che mi sveglia e poi vola,
me ne addormento sul fieno
raccolto dalla tempesta
per sognare il tuo volto dalla nuvola.
Marilena, il 30 agosto, 2008.
La goccia della notte
La goccia della notte accende desideri,
le stelle se ne vanno in buio a brillare,
fermando l’orologio dei lunghi sentieri,
nell’abito da sposa l’estate fa sognare.
Un raggio argenteo le rughe accarezza,
la pelle si ricorda la schiuma delle onde,
il bacio che fioriva nel soffio della brezza,
i corpi abbracciati dal sole sulle sponde.
Nasconderei nel bosco giornate calorose,
l’amore intrecciato nel cerchio della fede,
il tempo che non spegne le luci generose,
non perdano gli occhi la sfumatura verde.
Marilena, 28 giugno, 2011
Frunza
Sunt vânt şi sunt furtună de vremuri agitate,
iar visul mi-am văzut născându- se murind,
de o dorinţă oarbă pătrunsă sunt şi poate
în tumultuosul timp o să trăiesc scriind.
O frunză rătăcită adesea m-am simţit,
când vântul mă purta prin viaţă fără rost,
visam şi pe pământ căzută m-am trezit,
eram în lumea ta crezând că am mai fost.
Sunt lacrimă şi ploaie ce timpul au scăldat,
stingând cu dor aprins un fulger de furtună,
strâng visuri tot sperând că eu am transformat
o vijelie-a vieţii în ziua cea mai bună.
Cu rădăcini e frunza, ţărâna e a sa,
pe ea o vorbă dulce în două lumi tot zboară,
fierbinte e dorinţa de-a fi în ţara ta,
dar rădăcina zice că dorul o să doară.
La foglia
Son vento e tempesta su terra scatenati,
ho visto i miei sogni nascendo e morendo,
mi sono attaccata ai desideri nati,
nei tempi tumultuosi che sto ancor vivendo.
Una smarrita foglia mi son sentita spesso,
nel soffio del vento perduta galleggiando,
in terra son caduta sognando anche adesso,
il tuo caro mondo col mio intrecciando.
Son lacrima e pioggia che terra sta bagnando,
quando il forte vento annuncia la tempesta,
raccolgo i miei sogni e sto ancor sognando,
trasformo la bufera nel giorno della festa.
Son foglia con radice rimasta a casa sua,
io amo la parola che vola tra i mondi,
il mio desiderio mi porta a casa tua,
eppure la tempesta mi dice che ritorni.
 
Al piè del filo d’erba...
Al piè del filo d’erba
il monte rovescia la sua chioma verde
sul campo abbronzato
nel pugno dell’estate,
i colli arrotondano l’arco dell’orizzonte
nelle corolle dei frutteti
con il disco del sole,
le vigne disperdono gli aromi dei chicchi
abbracciati in grappoli generosi,
nella coppa del palmo bevo le gocce d’acqua cadenti dalle ombre
come se fossero il vino dalle uva.
E’ lì la casa mia,
al piè del filo d’erba,
dove le onde bagnano le rocce
dei torrenti e della storia.
Il passato guarda le mura in rovine,
il presente gira nel girotondo dei colori,
sul tappeto del tempo,
il futuro guarda la cima della montagna,
nel sorriso del vento.
Chi sa, forse il filo d’erba crescerà fino all’altezza dei boschi d’abeti
che abbracciano le mie montagne...
Marilena Rodica Chiretu
13.07.2009
Vinul anotimpuruilor…
Picura privirea
in cupa verii tarzii,
as vrea sa te iubesc,
dar marea nu ma lasa,
un val a inaltat
intre tarmurile noastre,
in zadar il topeste apusul
in focul soarelui,
zaresc doar culorile orizontului,
ziua de maine,
la fel ca cea de azi.
Zorile ma trezesc
cu vocile padurii
aduse de ecoul brazilor,
intre munte si mare
imi imbrac noaptea
in cercuri de lumina
rotunjite de mainile fierbinti
care maingaie goliciunea trupului
la granita subtire
dintre primavara si vara.
O adiere atinge usor buzele
in murmurul sarutului divin,
rasare sfera care soarbe durerea,
trandafirul pierde sangele spinului
in izvorul ochilor tai,
padure crescuta pe tarmul dorintelor mele;
fara nostalgia zilei de ieri,
fara flacara celei de maine,
beau vinul anotimpurilor
in cupa anilor mei…
Marilena, 20.07.2010
 
Il vino delle stagioni…
Goccia lo sguardo
nella coppa della tarda estate,
vorrei amarti
mai il mare non mi lascia,
un’onda ha alzato
tra le nostre sponde,
invano il tramonto la scioglie
nel fuoco del sole,
vedo solo i colori dell’orizzonte,
il giorno di domani
uguale a quello di oggi.
L’alba mi sveglia
con le voci del bosco
portate dall’eco degli abeti,
tra il monte e il mare
mi vesto la notte
nei cerchi di luce
arrotondati dalle mani ardenti
che accarezzano il nudo del corpo
al confine sottile
tra primavera ed estate.
Un soffio leggero sfiora le labbra,
nel mormorio del bacio divino,
sorge la sfera che assorbe il dolore,
la rosa perde il sangue del spino
nella sorgente dei tuoi occhi,
bosco cresciuto sulla riva dei miei desideri;
senza la nostalgia dell’ieri,
senza la fiamma dell’ indomani
bevo il vino delle stagioni
nella coppa dei miei anni.. 
Marilena, 20.07.2010
 
O margaretă pe o pată verde...
Scufund privirea în misterul unei margarete
răsărită pe pata verde a pământului
negru ca noaptea căzută pe gânduri,
pe dorinţele fără stele,
totul se pictează deodată
în strălucirea albului florii
frumoasă şi fără culoare,
lângă durerea roşie a rozei
atât de mirositoare, dar spinoasă.
Vara topeşte vârstele anotimpurilor
în pumnul ierbii
strânsă de pe câmp într-o căpiţă verde
care va deveni aurul paielor
când focul crepusculului
va arde pleava
căzuta pe proaspăta rouă
de pădure.
Cât este însa de frumos
să mângâi pajiştea pieptului tău,
sa rostogolesc trupul pe covorul
din paie,
în mireasma fanului.
Cât este de frumos
să simt ardoarea mâinilor tale
pe bronzul verii,
în straiele stelelor
rămase pe cerul târziilor primăveri
rotunjite în corola margaretelor
purei iubiri...
Marilena
28 iulie, 2009
Una margerita su una macchia verde…
Sprofondo lo sguardo nel mistero di una margherita
spuntata sulla macchia verde della terra
nera come la notte caduta sui pensieri,
sui desideri senza stelle;
tutto si dipinge ad un tratto
nello splendore bianco del fiore
bello senza odore
accanto al dolore rosso di una rosa
così odorosa, ma spinosa.
L’estate scioglie le età delle stagioni
nel pugno d’erba
raccolta dal campo in un mucchio verde
che diventerà l’oro delle paglia
quando il fuoco del crepuscolo
brucerà la polvere
caduta sulla frescura della rugiada
silvana.
Quant’ è bello però,
accarezzare il prato del tuo petto,
rotolare il corpo sul tappeto
delle paglia
nell'odore di fieno.
Quant’ è bello,
sentire l’ardore delle tue mani
sul bronzo dell’estate
nel vestito delle stelle
rimaste sul cielo delle tarde primavere
arrotondate nella cupolla delle margherite
del puro amore...
Marilena
28 luglio, 2009
 
Sul volto del tempo…
Intrecciata dal vento
in un girotondo di spighe dorate
brilla una corona
sul volto del tempo,
al confine tra il campo
e la montagna
la frescura del bosco
conserva ancora il verde delle foglie
nella scintilla degli occhi,
lo sguardo si annida sul prato,
scende e sale sul filo del ricordo
in una lacrima della luce
che avvicina i tronchi
in un mazzo di alberi
legati con il fiocco
della stessa radice.
Il desiderio scivola
sulle onde dei pensieri,
nel mare di malinconia e di nostalgia,
rotola dalla cima della montagna
fino nelle braccia delle valli
dove la terra è più vicina alla sorgente
che nutre il grano
da dove spunta ogni anno
l’amore
sul volto del tempo…
Marilena
20.08.2009
Pe chipul timpului…
Impletita de vant
intr-o hora de spice aurii
straluceste o coroana
pe chipul timpului,
la hotarul dintre campie
si munte
prospetimea padurii
pastreaza inca verdele frunzelor
in scanteia ochilor,
privirea se cuibareste pe pajiste,
coboara si urca pe firul amintirii
intr-o lacrima de lumina
care apropie trunchii
intr-un buchet de copaci
legati cu funda
aceleiasi radacini.
Dorinta aluneca
pe valurile gandurilor,
in marea de melancolie si dor,
se rostogoleste din varful muntelui
pana in bratele vailor
unde pamantul e mai aproape
de izvorul
care hraneste graul
din care rasare in fiecare an
iubirea
pe chipul timpului...
Marilena
20.08.2009.
 
Su una foglia di quercia...
Su una foglia di quercia
serpeggia la mia vita,
stringe nel verde del ricamo
una corola di confini.
In una lacrima di pioggia
rispecchia il passato,
nell’attimo di nostalgia
sfiorisce il prato.
L’estate ha raccolto il fieno
sul campo dei ricordi,
l’odore fresco mi avvolge
il cuore innamorato.
Sogno il fuoco della sabbia
che mi riscaldi il corpo,
l’arancio che faccia fiorire
aromi sulle labbra.
Ma è lontano il Paese
che canta tra le onde,
solo la quercia è vicina
nel bacio delle sponde.
Pe o frunză de stejar…
Pe o frunză de stejar
Şerpuieşte viaţa,
strânge în dantelă verde
o corolă de hotare.
Intr-o lacrimă de ploaie
trecutul se oglindeşte,
iar clipa de nostalgie
pajiştea se ofileşte.
Vara fânu-a adunat
pe campia amintirii,
mirosul proaspat învăluie
inima îndrăgostită.
Visez focul nisipului
să-mi încălzească corpul,
portocalul să-nflorescă
aromele pe buze.
Dar e departe ţara
ce cântă între valuri,
aproape-i doar stejarul
ce sărută două maluri
 
Lumina care nu moare
Am fost în lumina care nu moare,
pe geana timpului am oprit întunericul ,
am aprins ceaţa privirilor
în flacara fierbinte a dorinţei,
la porţile infernului
am ars întunericul
In ropotul apei,
se jucau lumini multicolore,
ca în fantezia copiilor,
stingând durerea,
un zâmbet a ars
pânza umbrelor
iar eu, acum,
mângâi
mâinile minunii
care m-a ajutat
să nu-mi pierd
poarta sufletului…
Marilena Rodica Chiretu
La luce che non muore...
Sono stata nella luce che non muore,
ho fermato l’oscuro sulla ciglia del tempo,
ho acceso la nebbia degli sguardi
nella fiamma dell’ardente desiderio,
ho bruciato il buio
alle porte dell’inferno.
Nello scroscio dell’ acqua
giocavano luci multicolori,
come nella fantasia dei bambini
spegnendo il dolore,
un sorriso ha bruciato
la tela delle ombre,
ed io, adesso,
accarezzo
le mani
della meraviglia...
Marilena Rodica Chiretu
Era vremea murelor...
Dese păduri înalţă copaci mândri,
brazi şi stejari ating uşor cerul,
braţe puternice împletesc anii
în ramuri târzi,
pe trunchiuri sculptate
scoarţa groasă înfruntă alte cărări
Vârfurile privesc tufişuri risipite
sărutând pământul lângă rădăcini,
plante rătăcite caută lumina
care să strălucească
pe poienile colorate în verde,
seva cere pământului misterul
cuvintelor care să- mi vorbească...
Trăiesc pajiştile printre păduri înalte,
flori de câmp pictează spaţii deschise,
visează tufişul rotund şi întunecat
fericitul timp al murelor,
lacrimi negre pe chipul alb
Gust în vis savoarea fructelor
rotunjite în obscurul pădurii,
planta sălbatică între umbre diverse
pierde frunzele greşitei iubiri
....si totusi m- a vrajit vremea murelor...
Marilena Rodica Chiretu
22 ianuarie 2006
Tra una notte e un giorno…
Un pugno di stelle tra nuvole
nasconde il mistero della notte
e il fuoco si accende all’alba
bruciando il dolore del destino.
Allora una notte e un giorno
si abbracciano con ardore
perché anche l’amore in sfera girò
assaggiando la schuma del mare.
Nella goccia di vino sto vivendo
perché mi ubbriaca la vita
ma dal sogno mi sveglio
e mi lavo con rugiada la faccia.
Amo il rotondo che non muore
nel nido da casa mia
nutrito con acqua di sorgenti
perché il mare non lo lascia
spegnersi nel’attimo di dimenticanza.
Tra una notte e un giorno
scrivo ancora una poesia
con le ombre che possono diventare
luci sulla terra mia…
Marilena, 30 .09.2009
Verde di seta...
Nel verde di seta
spicca il pensiero
sul sentiero del tempo,
un giallo girasole rotola
tra petali dispersi,
raccoglie i passi di ieri,
fiorisce il tempo di oggi,
intreccia sfumature
per l’ attimo di domani.
Risuona la buccina
tagliando la frescura
delle alte montagne,
lo sguardo misura la valle,
cerco un verde di seta
per non sprofondare
nella mirifica bellezza
che gira nel girotondo
dei confini e degli anni.
Alte cupole rotonde
girano intorno alle snelle torri,
scendo pietoso sguardo
e guardo
la seta verde
che si stende
chiamando un nuovo girasole
che rotoli il presente
nel grembo di domani.
Respiro soffio di vento,
assaggio acqua di fontane,
m’ illumino con la luce
della alte campane.
Marilena Rodica Chiretu
20 ottobre-2005
Nella voglia del mattino…
Lascio nella voglia del mattino
le nubi della notte,
le ombre dei pensieri se ne addormentano
sulla cupola della luce,
il tetto della giornata
dove cresce l’erba degli sguardi
sulla quale mi piacerebbe
rotolare il corpo nudo
per sentire la grandezza del mattino
sul petalo di un fiore mattutino,
assorbire le lacrime della terra
lasciate su una foglia.
Supero la soglia della giornata
per sentire il canto del gallo
nel fuoco del sole,
le fragranze dei frutteti di melo
circondati dal chiasso
delle strade di campagna.
E’ lì che vive il mattino la sua vera serenità,
davanti all’altare della natura
vestita dell’abito da sposa
regalato dagli alberi fioriti.
Tutto sembra così bello, tranquillo,
le nuvole sembrano sciogliersi
nella schiuma del cielo,
noi sembriamo scioglierci nell’illusione di essere sempre felici,
come un mattino di primavera.
Lì, ti penso amore,
perché sei il mio mattino
che bussa alla porta della giovinezza
con i battiti del cuore innamorato,
nell’illusione di un’eterna primavera…
Marilena Rodica Chiretu
5.05.2010
In voia diminetii…
Las
In voia diminetii
norii noptii,
umbrele gandurilor adorm
pe cupola de lumina,
acoperisul zilei
unde creste iarba privirilor
pe care mi-ar placea
sa rostogolesc trupul gol
pentru a simti maretia diminetii
pe petala unei flori matinale,
sa sorb lacrimile pamatului
lasate pe o frunza.
Depasesc pragul zilei
pentru a auzi cantecul cocosului
in focul soarelui,
miresmele livezilor de meri
inconjurate de zarva
drumurilor de la tara.
Acolo traieste dimineata
adevarata sa seninatate,
in fata altarului naturii
imbracata in rochia de mireasa
daruita de pomii infloriti.
Totul pare atat de frumos, de linistit,
norii par sa se topeasca
in spuma cerului,
noi parem ca ne topim
in iluzia de a fi mereu fericiti.
Acolo, ma gandesc la tine iubire,
pentru ca esti dimineata mea
care bate la poarta tineretii
cu bataile inimii indragostite,
in iluzia unei eterne primaveri…
Marilena Rodica Chiretu
5.05.2010
www.pitestiromania.ro
Copacul
Ti- am furat florile primaverii
pentru parfumul parului meu;
mi-ai daruit mierea albinelor,
pentru amarul vietii;
ti-am furat verdele frunzelor
pentru lumina cararilor mele,
mi- ai daruit gustul sperantei;
ti- am furat rubinul fructelor mature
pentru a colora paloarea vietii,
mi- ai daruit rotundul marului;
stam impreuna la racoarea umbrei tale
si nu putem niciodata sa ne imbratisam,
privim doar impreuna acelasi soare
al corolei tale.
Marilena-21 ianuarie 2007
La quercia
Freme la quercia
nel bosco dei miei pensieri
e desideri,
m’ abbracciano e mi soffocano
i suoi rami e i ricami delle foglie,
la corolla rotola gli stessi anni
aspettando una nuova primavera,
una quercia senza fiori e odori
spera fiorire in autunno,
sospira nella sua linfa
cadono nel mio grambo
le ghiande,
il musco avvolge il tronco
ed il mio corpo,
li nasconde dal vento e dal sole,
ha perso l’ eternità dell’ abete,
assaggio la verde resina
sperando l’ eterno amore…
Marilena Rodica Chiretu
6 gennaio 2006
Regina della notte
Tremolano sonnolenti petunie e gerani
sotto la cupola fresca del cielo blu,
il giorno s’ addormenta nel letto
disteso dalla Regina della notte,
il profumo inebriante delle stelline
sveglia la frescura dei petali,
la regina in abito bianco
abbraccia l’ argenteo della luna.
Tremolano ardenti sensi e mani,
il vano accoglie il re della notte,
sotto la cupola dei corpi abbracciati
freme il profumo inebriante della pelle,
il giorno ci regalò il rosso del tramonto,
nel letto rovesciato dalle ombre
scrive sul lenzuolo bianco della luna
che c’ è ancora tempo per amare...
Marilena Rodica Chiretu
29 luglio 2006
 
Intr -o floare sta lumina…
Intr-o floare sta lumina si in stropul ei traiesc,
e o lacrima de roua ce in soare staluceste,
norii cerului  il soarbe si in zare infloresc
straie albe de mirese iar livada povesteste.
In corola unui pom timpul l-as preface-n ram
sa nu piarda din petale in suspinul vantului
precum florile de mar ce imi bat acum la geam
si invaluie -n miresme tainele pamantului.
Intr-o primavera ninsa cu zapada florilor
ne-am topit ca roua-n soare in sarutul focului,
o poveste noua am scris in jocul privirilor,
 primaverile  s-au scurs in voia norocului.
Dar gradina inverzeste si in toamna vietii
chiar de frunzele trezesc umbrele padurii,
 o cununa a iubirii  da  splendoare fetii,
caci culege an de an farmecul naturii…
Marilena Rodica Chiretu
In un fiore sta la luce…
In un fiore sta la luce e nella sua goccia sto vivendo,
è una lacrima di rugiada che nel sole brilla,
assorbe le nuvole del cielo mentre all’orizzonte fiorisce
il vestito bianco da sposa nel frutteto che  racconta.
Nella corolla di un albero da frutta trasformerei il tempo in un ramo
perchè non perda i petali nel sospiro del vento,
come i fiori del melo che bussano adesso alla mia finestra
avvolgendo in fragranze i misteri della terra.
In una primavera nevicata con la neve dei fiori,
ci siamo sciolti nel bacio del fuoco come la rugiada nel sole,
una nuova storia abbiamo scritto nel gioco degli sguardi,
le primavere  sono passate alla voglia della fortuna.
Il giardino fiorisce però ancora nell’autunno della vita,
anche se le foglie svegliano le ombre del bosco,
una corolla dell’amore dà splendore al viso,
perchè raccoglie ogni anno il fascino della natura…
Marilena Rodica Chiretu
24.04.2010
Alla tua ombra
Alla tua ombra,
albero con rami di dolci parole,
è scoppiata la luce dell’infanzia
nella mente che
 mi illumina ancora,
una lacrima che oggi
bagna tristemente
la guancia del presente.
E’ la luce del mio essere
che scorre come
le onde del fiume,
tra monti e castelli,
per baciare il desiderio
bruciato sul Ponte dei Sospiri,
ricordo vivio
in un attimo
di sogno vero
O sa-nfloreasca campul in rosul de la maci…
As vrea sa scutur ploaia in pumnul de lumina,
ca lacrima de floare sa moara intre nori,
sa mai ramana pomul in rochia de mireasa
si vantul sa nu-i duca  miresmele spre vai.
Iubirea-mi daruieste culoarea poenitei
pe care tolaniti cu gandul  ne vorbeam,
din spice aurii ne-am impletit covorul
pe care am pasit in timpul fara glas.
De zboara primavara, parfumul ei danseaza
in pragul verii calde cand alergam desculti ca iarba s-o  simtim;
cu ghiocei la tample mai dam culoare vremii din noi
caci o sa-nfloreasca campul in rosul de la maci
si-n flacara petalei anotimpurile se vor topi
scriind pe buzele iubirii doar un sarut…
Marilena Rodica Chiretu
20.04.2010
Il campo fiorirà nel rosso dei papaveri…
Vorrei scuotere la pioggia nel pugno di luce,
perché la lacrima del fiore muoia tra le nubi,
l’albero da frutto rimanga ancora nell’abito da sposa
e il vento non porti via  le fragranze verso le valli.
L’amore mi regala il colore del prato
sul quale distesi con il pensiero ci parlavamo,
dalle spighe dorate abbiamo intrecciato un tappeto
 sul quale abbiamo camminato nel tempo senza voce.
Se la primavera vola, balla il suo profumo
 alla soglia della calda estate quando corriamo scalzi
per sentire l’erba;
con bucanevi alle tempie diamo ancora colore al tempo
perché Il campo fiorirà nel rosso dei papaveri
e nella fiamma del petalo si scioglernno le stagioni
scrivendo sulle labbra dell’amore solo un bacio…
Marilena Rodica Chiretu
20.04.2010

Sumar-Opere peronale Sommario-Opere personali.