Logo Design by FlamingText.com
Logo Design by FlamingText.com
Pe cărarea unui vis…
Pe cărarea unui vis
stă privirea şi suspină,
se întreabă de s-a scris
simfonia de lumină,
căci pădurea e adâncă,
pomul meu e un pitic,
dar va creşte şi pe stâncă
trunchiul de va fi voinic.
Au curs zilele-împreună
printre frunzele cărunte,
iar acum în vis o zână
vrea durerea-mi să sărute,
căci s-a dus fluvial de stele,
anul s-a sfârşit plângând,
înecat în lacrimi grele.
În pădure aud cântând
toate visurile mele,
căci şi anul e rotund
şi-mi surâde printre gene.
Marilena, 30 12.2009
Sognando ancora l’alba della mia età...
Un’ alba, un tramonto
tra un sorriso e un pianto,
la pioggia nella coppa
dell’ amore
e un bicchiere con fiocchi
dispersi sui capelli,
ricordano gli attimi più folli
di una cantilena mormorata
tra il muro rosso e la gabbia
soffocata tra le griglie
gridando un raggio della libertà.
Solo nel rosso del mattutino sole
chiudo adesso i confini del passato,
ma scorre ancora il sangue nelle vene
cercando la strada smarrita della dignità.
Un muro ha crollato nel grembo del Ponente,
un altro si è alzato per i miei sguardi tra luci di falò,
oscurano il nuovo orizzonte dipinto nei colori degli occhi,
delle mani, dei desideri sulle roventi labbra della diversità.
Un’alba nasce, un’ altra muore,
vivo ferita nella gabbia
di schiuma bianca
con macchie nere
sul volto triste
della realtà
sognando
ancora
l’alba
della
mia
età

Marilena

Când curcubeul cerul îl sărută…
Nu curge salcia în crengile-i pletoase
cum curge fluviul amintirilor în doi,
nu-i anotimp să nu aducă-n case
măcar o primăvară a vremurilor noi.
Plânge pământul rădăcina moartă
când mai doboară vântul un copac,
de strajă munţii ne rămân la poartă,
lacrimi mai cad din ochii unui lac.
Când curcubeul cerul îl sărută
la orizont mă cheamă depărtarea,
dorul străbate valea mea căruntă,
rămân aici căci îmi vorbeşte marea.
Nu plec departe cu dorul care doare,
cu toamna stau la focul de surcele,
din frunze aurii îmi împletesc covoare
să înfloresc şi-n iernile mai grele.
Marilena Rodica Chiretu
11.09.2010
 
Emigrante in Paradiso
La terra si rovescia nel cono di speranze
sotto i piedi scalzi con tasche senza fondo,
l’ acqua ondeggia il mare di farfalle
felici d’arrivare sulle sponde dorate,
secoli di gioie e di dolori,
bagnano i mandorli fioriti
in attimi d’amore.
Guardano i castelli alzati dagli avi,
sembrano cadere sulle barche ribelli,
dalle cime dei monti risuona
la voce del mare tempestoso.
Tra le ombre della città scorrono le luci,
le vetrine abbagliano i sogni inscatolati,
un girotondo unisce le anime gemelle
intorno al vecchio olivo che lascia gocciare
i frutti verdi-neri  cresciuti in paneri.
Dal prato abbronzato un vento bruciante
porta  in piazza un mucchio di paglia,
sul rogo di speranze spente
illusioni bruciate venute da lontano;
la colpa è del vento che ubbriaca il tempo,
un povere emigrante creduto in Paradiso.
 
Timpul noptii…
Povestea mea s-a scris candva
pe zidul ce-a murit,
cand era noapte, ziua se nastea
si timpu-a-ntinerit.
Acum, e- o floare ponosita
strivita intre geamuri,
asteapta primavara insorita
sa creasca alte ramuri.
Cand ai plecat, nu te-ai gandit
ce lasi in urma ta,
un vis in vatra ortravit,
dar e si tara ta!
De unde esti, intoarce-ti zborul
spre cuibul de la mare,
caci doar acolo moare dorul
ce doare cel mai tare;
cand valul cerul a atins
in bezna despartirii
doar apa focul a desprins
de clipa nermuririi.
Marilena -15.01.2009
Il tempo della notte
La mia storia  è scritta
sul muro che morì,
la notte riscaldava il giorno
e il tempo rifiorì.
Adesso, uno sciupato fiore
stretto tra le finestre,
aspetta primaverile amore
per far spuntar ginestre.
Quando partisti,
nemmeno hai pensato
che lasci indietro,
un sogno in aia avvelenato,
ma  ci separa solo un vetro.
Da dove sei, devi volare
verso la mia contrada,
solo nel nido presso il mare
la nostalgia trova strada;
un’onda il cielo ha  toccato
nel buio della lontananza,
e l’acqua il fuoco ha distaccato
nell’attimo della speranza.
Variante italiana:Marilena
Come vorrei...
Rimpiango la radice che non può più nutrire
le foglie che il vento porta così lontano,
rimpiango anche il tempo perché non può capire
che la tempesta accende
lo scroscio del pianto sul volto di domani.
Rimpiango che la pioggia di nuovo ha colpito
con lacrime amare la terra dei castelli;
come vorrei alzare uno che sia forte
di sassi e di cemento in cui possa impietrire
i passi d’ogni male e gli attimi di dolore.
Non c’ è però un tetto, un albero, un piatto
che possano appagare la fame dell’errante;
la tavola è vuota, il lume ancora spento,
i piedi sono scalzi.
Come vorrei avere un orcio nelle mani
e senza paura bere l' acqua viva che uccida
l’ odio e il male e dia un giorno al povero
la luce del pane...
Marilena Rodica Chiretu,
1 novembre 2007, Pitesti.
Arde il fuoco nel pianto dei rami

Scivola il pensiero sulla luce del libro,
le parole smarrite cercano l’armonia
delle sillabe;
nel buio di una notte bruciano i rami
di una quercia lontana,
il bosco raccoglie le legna per riscaldare
la casa senza porta e senza finestre.

Vorrei spegnere il fuoco nelle mie lacrime,
nella coppa dei miei affettuosi sguardi,
nurtire gli alberi morti con lo spumante
della bottiglia,
fare ubbriacare la tempesta dei pensieri
fin quando cadrà nella botte di vino,
vorrei fare girare la testa del vento cattivo
che mi portò via la copertina del libro,
i versi delle poesie e il cammino dei sogni.

Sul davanzale sto guardando il mondo
presso un piccolo ramo d’olivo,
un ricordo lontano conservato
sotto il peso di un libro
italiano;
aspetta insieme a me l’aurora della finestra
per far entrare l’aria della dignità
bruciata nel fuoco dei rami
distesi sul cielo della diversità.

Un cipresso avvelenato muore nel cimitero,
vivono i raggi del sole nella tomba di una palma,
nasce un abete sulla roccia delle parole,
la fragranza della sua resina soffocherà
il fumo delle fiamme dell’odio
nel bosco che no ha perso
tutti i sentieri
verso la schiuma del mare
e le onde del cielo.
Con le braccia della mente…

Con le braccia della mente
ho rovesciato il pianto
nella corolla di perle brillanti
sulle ciglia degli sguardi
e dei tempi;
con lacrime di luna il pensiero
ha sofferto silenziosamente,
quando il cielo di parole
crollò nel mare in tempesta.
Non era notte, non era neppure giorno,
il dolore pian, piano
s’addormentò sul cuscino
dei dolci sogni e dei canti di sirene,
portati dall’amore delle onde
per la sponda argentea
del mio Mar Nero,
agghiacciando e trasformando il monte
in sabbia senza spiaggia.
Vivo di notte il giorno della luna,
di giorno, il sonno della luna senza notte,
trasformo la sofferenza
in lacrime di luce,
gli occhi, in laghi di sogni
sulle montagne di abeti,
circondandole sempre
con le braccia della mente...

Marilena, 9 ottobre, 2008.



La campana risuona nel bosco…
Da una chiesa è scappata via
la campana,
si collocò sul verde crudo dei rami primaverili,
tronchi alti e dritti aprono le corolle
degli alberi
verso la volta annuvolata del cielo,
i passi delle stagioni calpestano il nero della terra,
piange il manto delle foglie umide nelle lacrime dei tempi.
Là, nel cerchio delle quercie ricamate,
nelle colonne infinite degli abeti,
si spegne l’odore di cera
nel profumo di resina,
il buio nell’attimo di luce.
Sul ferro freddo della campana
si siede il volo libero di un passero
facendola risuonare
nel soffio del vento sofferto,
trasforma la tempesta
nel concerto del bosco
con alberi diversi.
Quanto vorrei
che venga un’altra primavera
 e i gerani sorridano di nuovo
nel rosso
dalle finestre della nostra chiesa!
Marilena-31.03.2009
Clopotul răsună în pădure
Dintr-o biserica a fugit clopotul,
s-a aşezat pe verdele crud al primăvăraticilor ramuri,
trunchiuri înalte şi drepte deschid corolele copacilor
spre bolta înnourata a cerului,
paşii anotimpurilor calcă  negrul pământului,   
plânge mantia frunzelor umede
în lacrimile vremurilor.
Acolo, in cercul stejarilor brodaţi,
în coloanele infinite ale brazilor,
se stinge mirosul de ceară în parfumul răşinii,
întunericul în clipa luminii.
Pe fierul rece al clopotului
se aşează zborul liber al unei vrăbii
făcându-l să răsune
în adierea vântului îndurerat,
transformă furtuna
în concertul pădurii
cu copaci diverşi.
Cât aş vrea
sa vină o alta primăvară
 şi muşcatele să zâmbească din nou
în roşul
de la ferestrele bisericii noastre.
Marilena-31.03.2009
E timpul trist ...
E timpul trist când moare iar o clipă
şi lumea nu-nţelege ce-a pierdut,
când tot mai rar iubirea se-nfiripă
şi ne-am întors în timpul ce-a trecut.
Pe câmpul meu ce hora învârteşte,
cad lacrimi peste holda pârjolită,
iar soarele pe toţi ne pedepseşte
căci n-am păstrat lumina dăruită.
Ne-a mai rămas doar râul care curge
din vârful muntelelui înfumurat,
când culmea nedreptăţii îl străpunge
cheamă românii să se-adune-n sat.
De minţile adorm în vremea ceţii,
nu e străin să ne adoarmă ţara,
părem sărmani în suferinţa vieţii,
dar apa din priviri învârte moara.
Aş vrea în vis să fiu un val al mării,
să-aduc acasă liniştea furată,
căci ţara nu-i vapor în largul zării,
e lacrima pe un obraz de fată.
 
O lacrimă de măslin
Vroiam să spun “Te iubesc”
lacrimii de măslin
care hrăneşte gândurile
făcându-le să alunece
în palma visurilor.
Umbra trecutului
a înecat, însă, în întuneric
lumina la orizontul
care separă
Răsăritul de Apus.
Înnebunită de amintirea
temniţei roşii,
aleargă zăpăcită prin lume
arzând paşii începutului
spre lumea liberă.
Graniţele se pierd în cenuşa
ce muşcă chipul pământului meu
răspândit pe cărările depărtării.
O lacrimă de răşină,
coborâtă din brazii munţilor,
aşteaptă picătura de măslin,
pe buzele fructelor mele,
ca să mă ducă,
doar pentru o clipă,
în parfumul livezii tale...
Marilena Rodica Chireţu-
17.01.2011
 
Una lacrima d’olivo....
Volevo dire “Ti amo”
alla lacrima d’olivo
che nutre i pensieri
facendoli scivolare
nel palmo dei sogni.
L’ombra del passato
ha annegato però, in buio
la luce all’orizzonte
che separa
il Levante dal Ponente.
Impazzita dal ricordo
della prigione rossa,
corre sbalordita per il mondo
bruciando i passi dell’inizio
verso il mondo libero.
I confini si perdono nella cenere
che morde il volto della mia terra
diffusa sui sentieri della lontananza.
Una lacrima di resina,
scesa dagli abeti dei monti,
sta aspettando la goccia d’olivo
sulle labbra dei miei frutti
che mi portino,
solo per un attimo,
nel profumo del tuo frutteto....
Marilena Rodica Chireţu
 
M’avvolge il tempo in onde solari…
M’avvolge il tempo in onde solari,
stringe il corpo in lingue di fuoco,
mi bagnano ombre nascoste in mari,
le mani intrecciano lo stesso gioco.
La foglia distacca il ramo dal vento,
alla finestra fiorisce il gerano,
si spogliano boschi sul prato spento,
si veste la casa del canto lontano.
La terra respira tra labbra ardenti,
due colline mordendo la valle,
assorbo le gocce cadute sui tetti
da una nube che stringe il male.
Gira il tempo intorno alla notte,
lo ubbriaco in coppe amare,
fermo la luce in foglie morte
perché il buio impari a brillare.
Marilena, 28.09.2010
Vivo...
Vivo la tonda stagione nel gioco degli anni
assaggio i frutti maturati dall’estate,
il pane è cotto nel forno del luglio
il grano è del ricordo lasciato in disparte
Rotolo nelle mani un’ ombra del passato
distesa dal sole nel fuoco al tramonto,
mi sveste l’aurora del sonno della luna
indosso il vestito del giorno senza notte
Marilena Rodica Chiretu
5 luglio 2007
 
A mai trecut un an…
A mai trecut un an cu dorul de ninsoare,
căci tristă este iarna când trupu-i este gol,
dar voi păstra lumina din noaptea visătoare
când cerul s-a aprins din stele ce nu mor.
Mai cred încă în basme cu ochii poeziei,
căci lumea e măruntă, dorinţele sunt mari,
am să înaţ din nou castelul fanteziei
cu mintea ce rămâne copil şi peste ani.
Doar gerul va muri căci primăveri mai sunt,
nicicând nu au rămas în gheaţa din privire,
în stropul de speranţă păstrez  acel cuvânt
ce  va topi zăpada în ploaia de iubire.
Marilena, 4.01.2012
Se non senti la vera libertà...
Se non senti la vera libertà,
chiuditi in una gabbia
e guarda il cielo tra le griglie,
vedrai il volo della farfalla
vestita di fallaci colori
morendo nel corpo di un verme
che trascina l’ esistenza
Se non senti la vera libertà,
grida in un abisso
senza che ti senta qualcuno,
soffoca le parole che vorresti dire,
annega i pensieri nel silenzio,
ascolta l’ eco del rumore
fatto dalle ali frante
al primo volo
ed allora, capirai che la vera libertà
è dell’ anima che sa piangere ridendo
e  sa vivere la dolce illusione
di potere stare insieme alle altre
tre farfalle e gabbie,
tra fallaci colori e rumori,
senza perdere
nessuna parola
dei pensieri
e dell’ amore...
Marilena Rodica Chiretu
10 gennaio 2006
Non annegarmi il fiume...
Un fiume di fiabe
scorre sul mio corpo,
bagna il mio pensiero,
nutre la fantasia,
si veste il desiderio
nell’ abito da fata,
cerco ancora
il Principe Azzurro
dell’ amore di vita,
non annegarmi il fiume
nei sospiri del tuo mare
per accendere
una scintilla spenta,
sorriso morto sulle labbra vive,
non bagnarti le mani
nell’ acqua delle mie speranze,
fuoco acceso
tra le legna de tempo,
morirà il presente
nel fiume di domani!
Non agitare il vento, le onde
si scioglieranno da sole
nella propria schiuma,
non annegarmi il fiume
e le sponde,
bevo l’ acqua dolce
nelle tazze amare,
la bocca salata
ha sete e fame
risorgerà il bacio
del saputo amore
se il tuo fiume
ritorna dal mare...
Marilena Rodica Chiretu
2 dicembre 2005
Polvere sul sentiero del tempo
E’ brutta la pioggia
sui muri grigi delle case,
nel pugno della verità piangono
gli occhi delle finestre,
troppo grandi per annegare
nell’oceano degli sguardi
la piccolezza del mondo caduto
sulla polvere del marciapiede.
La strada conta i passi del tempo,
con i piedi scalzi di bugie,
con le mani vuote di pensieri
e le labbra con sorrisi spenti,
raccolgo nelle tasche di poesia
granelli di polvere sul mio cammino,
arco disteso tra due lidi,
uno vicino, l’altro lontano;
lì, ci sei tu,
anima del mio destino,
errante come gli occhi senza ciglia,
senza il ponte delle sopracciglia,
cerchi il tempo senza polvere sul muro,
il muro con mattoni di vetro,
trasparenti come le gocce della pioggia
che lavi il passato nell’acqua
della sorgente montana.
Piove ed il fango ferisce
i piedi della stagione,
due corpi si sciolgono
nella lacrima del sole,
si alzano al di sopra di tutto,
verso la linea dell’orizzonte
dove la tempesta diventa
il soffio dell’amore.
Piango con lacrime di sogno
per spolverare la strada
dei passi dolorosi,
con l'ardore dei desideri,
per trasformare il fango
in un orcio di acqua pura,
cotto nelle fiamme ardenti
del mio cuore

sul sentiero del tempo smarrito
solo la polvere muore...

Marilena, 28 settembre, 2008.

Una terra frustata dai desideri…
Una terra frustata dai desideri
si nutre con la forza delle radici,
si riscalda il sangue della passione
nella linfa che scioglie l’attimo
della verità.
Sono rimasta qui, tra i miei avi,
ci sono anche la corolla,
anche l’ombra del tuo albero,
ti saluta da lontano anche il dolore,
anche la vagabonda nostalgia,
abbraccio la dignità degli abeti
per imparare ancora come si vive
in libertà.
Ho riaperto le finestre del sereno
e respiro le speranze raccolte
dal vento che gira intorno a me.
Ti regalo un pezzetto della mia terra
avvolta nelle sfumature dei desideri,
per dipingere insieme il quadro
che ti tenga, sempre,
qui, vicino a me...
Marilena Rodica Chiretu
12 ottobre, 2007
L’Amico
Sei pietra nella valle di un monte
sei il torrente che mi porta via,
soldato della musica sul fronte,
sei armonia nella tua sinfonia.
Amico che in notte stai sognando,
regali fiori in canzoni immortali,
il soffio della vita stai sfiorando,
lasci cadere sugli anni dei petali.
Ti sento da lontano l’animo ferito,
il desiderio di affrontare il tempo,
ti sento il bisogno di essere capito,
come il mare accoglie il suo vento.
Sono la foglia nell’albero spogliato
e la famiglia è il grembo degli avi,
la mia radice è la fonte incantata
e ti regalo le onde che desideravi.
Amico mio, sei unico nel sogno
che alza un ponte tra due sospiri,
delle parole colorate ho bisogno
per far fiorir la terra che ammiri...
Marilena, 14.11.2010
  Due cuori in una mano

Piena di parole,
la borsa del tempo apre i sogni
verso i colori infiammati dell’ estate,
la porto con me nella mano della vita,
le dita liberate dal vento sfiorano
le foglie della palma smarrita
su una spiaggia lontana
e il ricamo della forte quercia
chiusa tra le cime della montagna;
porto con me il soffio fresco
di qualunque respiro
che mi porti alla soglia delle sponde,
dove si alza anche di notte un ponte.
Non mi piace l’acqua salata del mare,
non mi piacciono le mosse onde,
nelle vene scorre il sangue del fiume
che non perde mai il suo colore,
la sua riva assaggia l’ aurora
sulle labbra infuocate del tramonto,
scioglie il sale nella bocca della verità;
in una mano tengo una borsa
con tanti ricordi dei due orizzonti
e l’amore di due cuori,
senza confini, senza rancori,
una borsa di pelle colorata dalla mente
vellutata, come la saggezza degli anni...

Marilena, 3 luglio, 2008
LIBERTA’ IN GABBIA
Mi sento un uccello in gabbia cresciuto,
che libero in cielo volare ha voluto,
quando le larghe ali provavo ad aprire,
tante vicende brutte avevo da subire.
In gabbia già adesso, le porte son aperte,
però le giuste strade non son ancor scoperte.
Mi sento chiusa anch’ io, un povero uccello,
che ha sognato sempre il volo nel suo cielo.
Se il dolce pensiero provava a volare,
tutto il mio cielo sembrava sprofondare.
Son tante le parole raccolte in gabbia mia,
però il freddo vento le sta portando via.
È libero l’ uccello, ma non potrà volare,
la libertà in gabbia non lascia mai cantare!
Anche se il cielo non ha più un confine
ecco, il mio volo sta ora per finire!
Adesso mi nascondo, in gabbia, per sognare,
il mio cielo azzurro, il verde del tuo mare.
mi chiudo in parole perché vorrei capire
per quanto tempo ancora dovrò io mai soffrire?
E chi dovrà aprire, in gabbia, la finestra
perché io viva meglio il tempo che mi resta?
Nel mondo delle ombre, chi mai potrà restare,
senza alcuna parola, senza poter cantare?     
              
Marilena Rodica Chiretu
Il settimo posto al Premio Internazionale per inediti “ELSA MORANTE- 2005”-
ROMA-
la VI edizione, Sezione ”Poesia Singola”.
 
 
I giorni della calda radice
La terra dei grani, dei colli e dei fiumi,
arrotonda il pane nel cesto dei frutti,
la lacrima dell’ acqua cancella il dolore,
in casa fa caldo, tra le fiamme la stufa
riscalda l’albero fiorito nelle mani.
Sospira il passero nel bosco spogliato
dalle foglie avvolte nei perduti colori
della stagione che passa e viene
nei passi ingannevoli della primavera.
Un nido è triste, un’altro allegro,
non tutti gli uccelli se ne vanno via,
rimane il canto degli usignoli,
il volo audace delle rondinelle.
Sul tronco agghiacciato il muschio è verde,
gli sguardi vestono gli alberi umidi
del gioco bianco degli stessi fiocchi,
chiamano a casa gli occhi erranti
a guardar la finestra della bella stagione.
Le valli s’ agitano nella bufera,
ma i monti cantano tra gli alti abeti,
le spine verdi non mordono le mani,
i rami dondolano le ricche chiome;
non muore il bosco nelle notti invernali,
la linfa nutre sempre gli alberi
nei giorni della calda radice...

Marilena Rodica Chiretu
4 dicembre, 2007
Mistero
Avevo un pensiero, ma l' ho perso
nella nebbia della tua mattina,
avevo un sogno e l' hai acceso
nel caminetto della tua casa,
avevo una parola, ma l' hai chiusa
nel mistero del tuo silenzio...
avevo tante speranze...
Adesso, la mente galleggia tra le nuvole,
ma non capisce il loro gioco,
il sogno ha paura di non spegnere
il fuoco delle tue legna,
la parola non parla perché
non può scrivere con le ombre del mistero...
...rimane il silenzio...
....il silenzio un giorno
trasforma il pensiero in nebbia,
il sogno in fuoco spento,
ma la parola...
la parola troverò la chiave
del tuo mistero e
aprirà di nuovo
la porta!
Marilena Rodica Chiretu

Mister
Aveam un gand, dar l-am pierdut
in ceata diminetii tale,
aveam un vis si l- ai aprins
in caminul casei tale,
aveam un cuvant, dar l- ai inchis
in misterul linistii tale...
Acum, mintea pluteste printre nori
si nu intelege jocul lor,
visul se teme sa nu stinga
focul lemnelor tale,
cuvantul nu vorbeste pentru ca
nu poate scrie cu umbrele misterului…
…ramane linistea…
…linistea care intr- o zi
transforma gandul in ceata,
visul in foc stins,
dar cuvantul…
…cuvantul va gasi cheia
misterului tau si
va deschide din nou
poarta
sperantelor.
Marilena Rodica Chiretu          
      
Il bambino dell’Est
Gira il tempo intorno al passato,
la storia ha cambiato il presente,
vestendo nei frutti dell’ infanzia
il futuro.
Il bambino dell’ Est,
non avvolge più la sua età
nel rosso della cravatta,
ma nell’ azzurro del cielo
della libertà.
E’ rimasto però,
lo stesso fiocco di neve
giocando coll’ inverno,
lo stesso raggio di sole
che riscalda la matura estate,
il bucaneve che alza la testa
nel manto della purezza,
sul quale si disperdono
i petali della primavera,
il bambino èil ricco autunno
dei suoi genitori.
Adesso, è libero
di rubare all’ orizzonte
il sereno e le dimensioni,
di sperare le cime
dei più alti palazzi,
di assaggiare il sapore
della loro ricchezza.
Il bambino dell’ Est,
come qualunque bambino,
è il frutto di un amore.
L’ amore non ha colore,
non ha patria,
non conosce confini!
La ruota della storia
gira e gira,
il bambino perde i passi
del girotondo della vita e
tende la mano
per prendere quella
di un amico lontano
che lo insegni le regole
del nuovo gioco.
Il bambino dell’ Est,
come qualunque bambino,
segue i passi dei grandi e
riceve i giocattoli costruiti
dai tempi.
Marilena Rodica Chiretu
17 luglio 2005
 
 
Pamant fierbinte
In infocata lava batranul tau vulcan
mai plange inca pe vremuri ce-s apuse,
topind fulgii din neaua ce amintesc un an,
in care se rosteau cuvintele nespuse.
Lumina-n ochi sclipea, scanteia a aprins
cand cerul a deschis seninul sau azur,
un gand indepartat din munte s-a desprins
si s- a oprit uitand trecutul sau mai dur.
Prin chiparosii verzi involburata mare
privea soarele vesel cu templul tau glumind,
fierbinte e pamamtul si stanca inca doare,
la gandul unor vremuri ce au murit vorbind.
Ridic a mea privire pierduta- n a ta vale,
spre neaua de pe munte de lava- nflacarat,
iar soarele-a topit raul ce-ti sta in cale,
fierbinte e pamantul pe care am calcat!
Marilena Rodica Chiretu

Lasciate le chitarre sognare...
Lasciate le chitarre sognare,
nel ritmo delle castagnette,
vorrei il mio tango flamenco
nel tempo che scorrendo
mi parla dell’ età
dei perduti accordi.
M’ inebbria l’ armonia
dei suoni e mi perdo
nel richiamo
della seduzione,
miracoli sulle corde
del sole.
Lasciate le chitarre suonare,
io e te, amore virtuale,
ascoltiamo la musica dei sensi
sfiorati dalla brezza
soave come una carezza
del mare...
da soli,
in un pensiero magico.
sull’ isola virtuale...
Lasciate le chitarre sognare,
non rubate il sogno che accende
negli occhi della notte,
tra le ombre,
il barlume
della danza rituale.
Chitarra, dammi tu,
un brivido per la passione
virtuale,
vorrei l’ illusone
dell’ amore immortale,
lasciando le chitarre sognare…
Marilena Rodica Chiretu-24 agosto 2005
La parola che rompe il buio della notte
Una dolce parola rompe il buio della notte,
un sorriso acceso apre la luce dell’ aurora,
il gioco dei lontani sguardi
trasforma in canto le onde spaziali,
non è la magia che mi faccia naufragare,
è il respiro di un amico che mi trova
cercandomi tra le nuvole,
ci sono qui, nel sogno di un ideale,
raccolgo colori e suoni
per far navigare sul filo della luce
chi affatica più di me
sul cantiere delle parole,
una donna fragile
dietro uno scudo di ferro,
con la mente avvicino l’ amore
tra le stagioni,
la primavera che ami i fiocchi di neve,
l’estate che accolga le foglie dell’ autunno al volo,
la brina che assaggi il sapore della resina
Quando, nel impotenza del silenzio,
il pensiero si tormenta da solo,
l’ amore muore
nel sonno della parola che rompe
il buio della notte...
Marilena Rodica Chiretu
Il 24 agosto, 2007

 

Lipseste iubirea soarelui ...
In pumnul strans al umbrelor,
explodeaza o dara de lumina,
in jurul gatului pamantului
impleteste o carare de respiro,
insufleteste trupul dorintelor
tremurande in bratele iubirii;
pe buzele amintirilor stinse,
rosul inimii se aprinde,
curge sangele in venele gandurilor,
durerea se ineaca in culoarea sa;
zace in intuneric sclipirea
 ce ar lumina privirea fiecaruia,
doarme ardoarea  ce ar putea sa topeasca
toata sarea din valurile
ce lovesc hotarele
celor doua tarmuri;
la orizont  nu se vede arcul cerului
ce ar putea respira o data cu marea,
lipseste iubirea pentru ochii fiecaruia...
Marilena Rodica Chiretu
14 mai, 2008.

 

Manca l ’amore del sole ...
Nel pugno stretto delle ombre,
scoppia una striscia di luce,
intorno al collo della terra
intreccia un sentiero di respiro,
anima il corpo dei desideri
tremanti nelle braccia dell’amore;
sulle labbra dei ricordi spenti,
il rosso del cuore si accende,
scorre il sangue nelle vene dei pensieri,
il dolore si annega nel suo colore;
giace nel buio il barlume
che illuminerebbe lo sguardo di ciascuno,
dorme l’ ardore che potrebbe sciogliere
tutto il sale delle onde
che colpiscono i confini
delle due sponde,
all’orizzonte non si vede l’arco del cielo
 che potrebbe respirare insieme al mare,
manca l’amore del sole
per gli occhi di ciascuno...
Marilena Rodica Chiretu
14 maggio, 2008.
Inima fara hotare
In inima cu hotarul
din frunze aramii
se deschide o fereastra
cu geamuri de primavara,
cand petalele pomilor cad
pentru a lasa sa creasca fructele,
glasul sufletului depaseste pe cel al privighetorii
dupa ce a traversat cele doua arcuri ale orizontului.
In acelasi rotund imi incalzesc mainile si privirile,
ca o raza de soare ce inconjoara si incalzeste
discul amurgului.
Iubesc ramurile din care am impletit cuibul meu,
sub acoperisul de paie si ziduri de piatra,
dar te iubesc si pe tine, iubire,
fereastra deschisa tarziu,
cu ochi de tarzie primavara
cufundata in padurea gandurilor mele.
Ar fi incomplet si dureros cercul anotimpurilor
fara suflul usor al iubirii tale
de mare involburata
langa izvorul tacerii…
Marilena 11.05.2009

 

Il cuore senza confine

Nel cuore con il confine
di foglie rossicce
si apre una finestra
con vetri di primavera,
quando i petali degli alberi
cadono per far crescere i frutti,
la voce dell’anima
supera quella dell’usignolo
dopo aver attraversato
i due archi dell’orizzone.
Nello stesso rotondo riscaldo
le mani e gli sguardi,
come un raggio di sole
che circonda e riscalda
il disco del tramonto.
Amo i rami dei quali
ho intrecciato il mio nido,
sotto il tetto
di paglia e muri di sasso,
amo però anche te, amore,
finestra aperta tardi,
con occhi di tarda primavera
sprofondata nel bosco
dei miei pensieri.
Sarebbe incompleto e sofferto
il cerchio delle stagioni
senza il soffio leggero
del tuo amore
di mare gorgogliante
vicino alla sorgente
del silenzio...

Marilena- 11.05.200
Cuvantul care sparge bezna noaptii
Un cuvant bland sparge bezna noptii,
un zambet aprins deschide lumina zorilor,
jocul indepartatelor priviri
transforma in cantec undele spatiale,
nu este magia care sa ma faca sa naufraghez,
este respiratia unui prieten care ma gaseste
cautandu- ma printre nori,
adun culori si sunete pentru
a-i face sa navigheze pe firul luminii
pe cei care, mai mult decat mine,
trudesc pe santierul cuvintelor,
o femeie fragila, in spatele unui scut de fier,
cu mintea apropii iubirea
dintre anotimpuri,
primavara sa iubeasca fulgii iernii,
vara sa intampine frunzele toamnei in zbor,
bruma sa guste savoarea rasinii.
Cand, in neputinta tacerii,
gandul se zbate singur,
iubirea moare
in somnul cuvantului
care sparge bezna noptii....
Marilena Rodica Chiretu
Il 24 august, 2007- Pitesti, Romania
 
La parola che rompe il buio della notte
Una dolce parola rompe il buio della notte,
un sorriso acceso apre la luce dell’ aurora,
il gioco dei lontani sguardi
trasforma in canto le onde spaziali,
non è la magia che mi faccia naufragare,
è il respiro di un amico che mi trova
cercandomi tra le nuvole,
ci sono qui, nel sogno di un ideale,
raccolgo colori e suoni
per far navigare sul filo della luce
chi affatica più di me
sul cantiere delle parole,
una donna fragile
dietro uno scudo di ferro,
con la mente avvicino l’ amore
tra le stagioni,
la primavera che ami i fiocchi di neve,
l’estate che accolga le foglie dell’ autunno al volo,
la brina che assaggi il sapore della resina
Quando, nel impotenza del silenzio,
il pensiero si tormenta da solo,
l’ amore muore
nel sonno della parola che rompe
il buio della notte...
Marilena Rodica Chiretu
Il 24 agosto, 2007
 

Speranţa


Închis în Univers, plânge din nou Pământul,
în inimă se varsă o lacrimă amară,
timid, Luna întreabă dacă- a găsit cuvântul,
ce scoate iar iubirea din tainica comoară!

În violente umbre, speranţa a murit,
în zorii zilei noastre, în stropi de suferinţă,
în noapte, Luna a zis că- o stea nu a pierit,
căci a crezut mereu în sfânta ei credinţă!

O sidefată rază pătrunde strălucind,
în gândul înţelept ce mintea mai cuprinde,
strigând în larga zare, s- aude licărind
lumina ce speranţa din umbră o aprinde.

În noaptea mea târzie aşa mă tot gândeam,
când bucuria stelei în mine s- a încins,
dar zgomotul din zori zadarnic l- adormeam,
în sinfonia vieţii, speranţa iar s- a stins.

Rovente terra
Nell’ affocata lava del vecchio vulcano,
scorrevano tacite le lacrime del tempo,
scogliendosi i fiocchi del suo manto strano,
che stava raccontando un altro contrattempo.
Brillavano gli occhi nelle scintille accese,
il cielo nel barlume aprì il suo azzurro,
un pensier remoto dal monte già discese,
e si fermò lieto nel mondo meno duro.
Il mare gorgogliante tra il verde dei cipressi,
il vento con il sole giocava tra i templi,
rovente è la terra, i sassi son gli stessi,
rimasti dagli anni dei tormentati tempi.
Alzo stupito sguardo dal verde della valle,
verso il bianco monte dal rosso affiammato,
nel sole abbagliante dimentico il male,
nella rovente terra che sempre ho amato!
Marilena Rodica Chiretu
La lontananza
La lontananza,
tempo che sfugge tra le dita
delle due mani,
annega pensieri nelle onde alti
dei sconfinati mari,
attraversa monti di passioni,
sprofonda le nostalgie
nelle valli...
La lontananza,
un arco tra terre mai lontane,
sapori di cibi squisiti,
giardini di desideri,
profumi mai sentiti,
un oleandro che piange
nella dolce fragranza...
La lontananza,
fantasia di palme
accarezzando gli sguardi,
fiori sbocciati e sfioriti,
sonno che sogna
lidi lontani...
La lontananza, sai,
non è il vento,
è l’ aria che non si può respirare,
è l’ acqua dolce di lontane fontane,
è il vino rosso che non posso bere,
è l’ amore che non si può toccare,
sono io che rimango lontana
sulle mie terre...
La lontananza è
la poesia che vive
nelle mie vene...
Marilena Rodica Chiretu
22 novembre 2005

 

O zi si o noapte
As vrea ca timpul sa arda- n anotimpuri
si sa alerg desculta pe undele din zare,
sa las si pe pamant o umbra de racoare,
si ziua as vrea sa fiu ce gandul sa aprinda
Iar clipa sa- nfloreasca in dulcea primavera
pe ramul noptii ascunsa- n parul meu,
sa fiu si foc as vrea ca negura s- o sting,
si zborul randunicii sa tinda spre etern
O raza care arde nisipul o sa fiu
si luna ce orbeste gandirea inteleapta,
as vrea ca libertatea sa arda colivia
pe rugul de iubire dintre o zi si- o noapte.
Marilena Rodica Chiretu
 
Un giorno e una notte
Vorrei essere il tempo che scioglie le stagioni
e correre su onde con i piedi nudi,
lasciare sulla terra un’ombra rinfrescante,
vorrei essere il giorno che avvolga il pensiero
Un attimo vorrei che sbocci primavere
sul ramo della notte nascosta nei capelli,
vorrei essere il fuoco che brilli nell’ oscuro,
la rondine che voli nel libero eterno.
Vorrei essere il raggio che arde sulla sabbia,
la luna che abbagli il saggio pensiero,
vorrei la libertà che bruci la mia gabbia
sul rogo dell’amore tra un giorno e una notte
Marilena Rodica Chiretu
 
Departe...
Nimeni nu este atat de departe
incat sa nu depaseasca
orizontul pictat de flacarile
dorintelor ascunse in mintea
ce inchide memoria
pentru a deschide cuvintele
in arcul glasurilor care sa ajunga
pana la tine, pe tarmul soarelui,
pe valurile durerii
Nimeni nu este atat de departe,
incat sa nu intampine
o silaba, un sunet, o culoare,
in simfonia norilor,
daruind o sclipire a luminii fiecaruia;
una tie,  cel care desenezi pe albul pielii
o casa,
tie, cel care gusti cu privirile
aromele copacilor,
si tie, cel care aprinzi firul rosu al pasiunii
pe obrajii mei,
tie, care calatoresti in Univers
pentru a aduce pe Pamant
stralucirea astrilor,
si mai ales tie
care esti suflul iubirii
si al poeziei mele...
Marilena Rodica Chiretu
28 iulie 2007
 
Lontano...
Nessuno c’ è così lontano
da non superare
l’ orizzonte dipinto dalle fiamme
dei desideri nascosti nella mente
che chiude la memoria
per far aprire le parole
nell’ arco delle voci che arrivino
fino da te, sulla sponda del sole,
sulle onde del dolore
Nessuno c’ è così lontano
da non accogliere
una sillaba, un suono, un colore
nella sinfonia delle nuvole
regalando un barlume di luce a ciascuno;
uno a te, chi disegni sul bianco della pelle
una casa,
a te, chi assaggi con gli sguardi i sapori
degli alberi,
anche a te, chi accendi  il filo rosso
della passione sulle mie guance,
a te, chi viaggi in Universo
per portare in Terra
lo splendore degli astri,
e soprattutto a te,
chi sei il respiro dell’ amore
e della mia poesia...
Marilena Rodica Chiretu
28 luglio 2007
 
Dansul umbrelor
Straluceste lumina
in sclipirea ochilor,
umbrele imi strang corpul,
mainile mangaie norii
in jocul privirilor indepartate.
Albastrul cerului,
verdele marilor,
rosul apusului
picura culori pe tristetea chipului,
in dansul umbrelor
rasuna chitarile,
muzica topeste intunericul,
singura, pe insula mea virtuala,
caut acorduri niciodata gasite,
atingand usor
melancolia sunetelor...
Marilena Rodica Chiretu

La danza delle ombre
Splende il sole
nel barlume degli occhi,
le ombre stringono il corpo,
le mani accarezzano le nuvole
nel gioco degli sguardi lontani.
L’ azzurro del cielo,
il verde dei mari,
il rosso del tramonto
gocciano colori
sulla tristezza del viso
nella danza delle ombre,
risuonano le chitarre,
la musica scioglie il buio,
da sola, sulla mia isola virtuale
cerco accordi mai trovati,
sfiorando la malinconia dei suoni...
Marilena Rodica Chiretu
3 giugno 2006
La fiaba delle libertà
Sul lago dei ricordi spenti
galleggia una vela bianca,
è la ninfea con petali presi
dalla farfalla troppo stanca.
Scintilla l’acqua tra le sponde,
      riflette il cielo negli occhi,
       sento il tempo tra le onde
parlando degli stessi giochi.
Con raggi scrivo una poesia
presso le ombre di un bosco,
la luce nutre la mia fantasia
 che brucia il passato fosco.
Una ninfea brilla sui capelli
farfalle sugli sguardi stanno,
in barca porto tutti i pensieri
la fiaba delle libertà mi danno.
Marilena
21.08.2010
Basmul libertăţii
Pe lacul amintirilor stinse
pluteşte o vela albă,
este nufărul cu petale luate
de la fluturele prea obosit.
Sclipeşte apa între maluri,
reflectă cerul în ochi,
simt timpul între valuri
vorbind despre aceleaşi jocuri.
Cu raze scriu o poezie
lângă umbrele unei păduri,
cu lumini îmi hrănesc fantezia
care arde trecutul întunecat.
Un nufăr pe păr străluceşte,
fluturii pe priviri stau,
în barca gândurile îmi port,
basmul libertăţii îmi dau
Marilena
21.08.2010
Profumo del tempo
La terra s’ addormenta
sotto il manto di foglie
gialle ed umide,
piange l’ autunno
in gocce di brina,
perde i colori dei fiori
in fin di vita,
profumi sfioriti,
petali cadenti
puniti dal soffio del vento
smarrito nel suo lamento.
La palla di neve
rotola il tempo,
porta fiocchi e boccioli nuovi,
non è mai l’ inverno
la fine dei fiori,
è solo un gran letto
con bianco lenzuolo,
si addormenta la bella stagione,
abbraccia nel sonno i suoi profumi
e sogna la sveglia del suo domani,
lo stesso miraggio dei fiori
mi potra il tempo in petali...
Marilena Rodica Chiretu
24 ottobre 2005
 
Canto per il giorno di domani
Raccolgo petali gialli,
intreccio una corolla di girasole
intorno ai semi di oggi
per il sole di domani.
Lascio per terra un seme
per germogliare
il presente
Raccolgo soffio di vento fresco
di alta montagna
per respirare
il tempo  di domani;
lascio in terra la tempesta
per spegnere
le bufere di oggi
Raccolgo la luce della luna,
il barlume delle stelle,
il verde del mare,
l’ azzurro del cielo
per far brillare
il mondo di domani
Ma il girasole non girerà,
il seme non germoglierà
la luce non splenderà
i colori non tingeranno
il mondo
se non sentiranno
il canto di domani!
Raccogliamo i suoni di zampogna,
gli accordi del mandolino,
i ritmi delle castagnete,
la musica delle chitarre
per vivere l’ armonia
nel  canto del giorno di domani!
Marilena Rodica Chiretu
23 ottobre 2005
Poesia finalista del Premio Nazionale di Poesia “La Rondine”- Trento -Italia,
la VIII edizione, pubblicata nel numero speciale dei ‘Quaderni”, il 21 aprile, 2006, Trento
Hai, vino, libertate!
Am inaltat din lacrimi un munte pe vecie,
in zambete am scaldat un timp ce m-a muscat,
caci tineretea curge ca fluviul peste glie
si nu-ntelege clipa ce vorba- a sugrumat.
O viata am petrecut in falsa libertate,
dar zidul a cazut in douazeci de flori,
cuvantul moare inca in setea de dreptate,
mai sunt pe urma-mi pasii din anii de orori.
Cu firul unui vis mai scriu o poezie,
cu frunzele aramii covoare impletesc
sa uit durerea vie din vremea nebuniei,
sa simt ca libertatea ma lasa sa  traiesc.
 Tot se-ascund lumini in pumnul dictaturii
si umbrele asculta din cuibul lor vremelnic;
sunt stropul de iubire cazut in poala urii,
dar bezna tot  priveste cu ranjetul nemernic.
Hai vino, libertate caci ne privesc strabunii,
nu ma lasa aici cu vantul sa vorbesc;
iti dau si muntii mei, da-mi soaptele minunii
ce scriu povestea vietii si horele-nfloresc.
Marilena Rodica Chiretu
10.10. 2009.

Ziua luminii
Ziua luminii
va fi atunci când
se vor aprinde
stelele printre nori,
când soarele
nu va mai orbi
luna nopţii
şi întunericul
va deveni
lumina zilei.
Atunci,
plantele se vor îmbrăţişa
şi vor mângâia spinii
care se vor topi
în căldura
dulcelui
sărut.
Şi lumea va deveni o mare grădină
cu flori împletite în ghirlanda
armoniei şi a concordiei,
bucund ziua şi noaptea,
scăldate în strălucirea
Soarelui şi a Lunii
care vor aduce
pe Pamânt
lumina
Păcii.
Marilena Rodica Chiretu
1 august 2005

Vremuri de spuma
Spuma marii, spuma vremurilor,
imi invadeaza mintea, inseala privirile,
brodeaza in alb in intunericul noptii
floarea iluziei pe tarmul albastru,
rasuna cantul sirenei,
Ulise se intoarce din apusele mari,
imbratiseaza iubirea ratacita la orizont,
un nor se topeste in focul aurorei,
se roteste discul auriu al luminii,
iubirea mea nu are argintul lunii,
nici aurul soarelui,
e doar o spuma alba
rasturnata de valuri pe indepartate tarmuri,
uscuc cu suflul iubirii mele spuma
si o transform in piatra,
ascund durerea in scoica
ce va ramane pentru totdeauna
pe plaja ta.
Marilena- 15 mai, 2007
Nel tempo di foglie, l’amore si spoglia…
E’ nato l’inverno nel cuore del gelo,
in una stagione si stringono foglie,
la casa si alza in mezzo al mio prato
con le fondamenta di sassi e dolori,
i muri son vecchi di rossi mattoni,
al tetto il cielo ha  regalato l’ azzurro,
sulle finestre ci sono nuvole ancora,
si chiude la porta sotto i passi erranti.
E’ primavera nel mio autunno,
non posso abbaciare i fiore dei baci,
la mano si frange nello stretto di pugni,
il bosco risuona da voci lontane,
sul sentieri si perdono mamme,
nel tempo di foglie, l’amore si spoglia...
Marilena- Romania
1.04.2009
Tempi di schiuma
La schiuma del mare, la schiuma dei tempi,
invade la mia mente, inganna gli sguardi,
ricama in bianco nel buio della notte
il fiore dell’ illusione sulla sponda azzurra,
risuona il canto della sirena
ritorna Ulisse dai tramontati mari,
abbraccia l’ amore smarrito all’orizzonte,
una nube si spegne nel fuoco dell’ aurora,
gira il disco dorato della luce,
il mio amore non ha l’ argento della luna,
nemmeno l’ oro del sole,
è solo una schiuma bianca
rovesciata dalle onde sui lontani lidi,
asciugo con il soffio dell' amore la schiuma
e la trasformo in pietra,
nascondo il dolore nella conchiglia
che rimarrà per sempre
sulla tua spiaggia
Marilena 15 maggio, 2007
Lumina care nu moare…
Am fost in lumina care nu moare,
am oprit intunericul pe geana timpului,
am aprins ceata privirilor
in flacara fierbinte a dorintei,
am ars intunericul
la portile infernului.
In ropotul apei,
se jucau lumini multicolore,
ca in fantezia copiilor,
stingand durerea,
un zambet a ars
panza umbrelor
iar eu, acum,
mangai
mainile minunii…
Marilena Rodica Chiretu
Senza la luce della Terra…

Ho chiuso la finestra
perché non entri la polvere dei pensieri
smarriti sui sentieri della Terra,
sulla memoria del tempo
dimenticato nell’angolo oscuro
di un cuore malato.
Il soffio leggero
di una giornata soleggiata
rompe il silenzio del vetro,
mi sveglio con un nuovo sogno
tra le dita delle due mani
e sento già l’odore
dell’erba primaverile,
sul nostro prato
circondato dai monti rimboscati
come il mondo circondato dai pensieri.
Il rotondo della Terra
è la sfera dei miei occhi
l’amo comunque fosse,
a colori o in bianco e nero
perché i miei sguardi
non potrebbero parlare
senza la sua luce…
Ti guardo con gli occhi della lontananza…
Ti guardo con gli occhi della lontananza,
le ciglia nere sfiorano la luce
quando insieme sulle spaziali onde
la Terra delle lacrime anneghiamo nella speranza.
Ti guardo con la saggezza dei pensieri
e mi domando come mai potrei abbracciare
il mare che culli le dolci fiamme dei desideri
qui, nella mia casa bagnata dai colorati sogni.
Vorrei accarezzare le guance della lontananza
e le sue labbra, se possono accendere sorrisi
che spengano stupori
lasciate sulle parole non dette
che non possono ancora capire
perché il mio cuore freme
di passione, nostalgia e amore...
Marilena Rodica Chiretu
27 ottobre, 2007.
Non piangere, foresta…
Il giorno chiude le palpebre della stanca notte,
dorme tra le ciglia nere del passato volto,
lo sguardo si svegliò per accogliere l’ aurora
sciogliendo il Levante nel rosso del tramonto
I monti alzano le braccia verso le nuove cime,
i colli chamano le valli nel dolce girotondo,
il mare tace ascoltando il fremito del tempo
e lasciano il dolore al suono di zampogna
Cercavo gli alberi, adesso salgo le montagne,
non piangere, foresta, se sono forestiera,
ti porterò il profumo degli abeti ebbri di resina
e il canto di buccina che non ha nessuno
Marilena Rodica Chiretu
27 dicembre 2006
La notte della poesia
Disperse, le parole galleggiavano
sulle onde del tempo
non sapendo cosa cercare,
quando sul mare con tempeste
ed arcobaleni finti,
scese la notte.
Un fulmine ha aperto il cielo,
felice sono andata ad accogliere
la luce delle stelle
nascosta tra le nuvole delle parole.

Brillano le sfumature dei veri colori,
risuona la sinfonia della vita
nel ritmo dei nuovi suoni.
Entro nel mistero
di una parola bianca
per definire il contorno perfetto
dell’ argentea luna piena,                      
e tu mi regali una notte d’ amore.
Intreccio le sillabe dell’ affocato tramonto
per capire quando è spuntata l’ alba,
e tu mi dai il senso di una nuova vita.

Nella notte della poesia,
le parole ballano in una danza
infiammata dal desiderio,
ed io sogno l’ armonia dei sensi.
Nella notte stellata, un mandolino
mi chiede le parole
per la sua melodia.
Il giorno del girotondo
mi regala suoni di zampogna
per le mie parole
e stende un diafano velo
fino alla notte
accendendo
le stelle
della poesia.

Marilena Rodica Chiretu
24 settembre 2005
Femei...
Femei,
pentru a face sa rasara viata
in infernul maruntaielor,
pentru a incalzi sufletul ratacit
in paradisul simţurilor,
zambet pentru a potoli furtuna.
Femei,
pentru a aprinde albul patului
in culorile privirilor,
femei,
pentru a face sa infloreasca
 bucuria de a simti mainile.
Femei,
pentru a face să sufere noroiul picioarelor,
pasii care au perdut drumul,
fluviul curgand in paharul prea plin,
fantani de dorinte susurand peste ani,
intre ferestrele deschise suflu al vantului.
Daca pierzi inima femeii,
nu o căuta în buzunarele banilor…
Marilena Rodica Chiretu
Donne…

Donne
per fare spuntare la vita
nell’ inferno delle viscere,
per riscaldare l’anima smarrita
nel paradiso dei sensi,
sorriso per temperare la tempesta.
Donne
per accendere il bianco del letto
nei colori degli sguardi,
donne per fare fiorire l’allegria
di sentire le mani

Donne
per far soffrire il fango dei piedi,
passi che hanno perduto il cammino,
fiume scorrendo nel bicchiere pieno zeppo,
fontane di desideri sussurando sugli anni,
tra le finestre aperte soffio del vento.
Se perdi il cuore della donna,
non cercarlo nelle tasche dei denari

Marilena Rodica Chiretu
14 settembre 2006
Ziua de azi in cupa celei de ieri…
Douăzeci de ani de primăveri stinse,
incurabile visătoare
ale unei vieţi mai bune,
ne despart de viaţa de ieri
sufocată între zidurile roşii
ale utopiei de a ne simţi treji
în patul morţilor.
Ieri, lumina se stingea în fiecare seară
în flacăra aprinsă a lămpii cu gaz
găsită în podul bunicilor,
piaţa pustie plângea
împreună cu cele câteva legume,
mândre totuşi de a fi singurele
pe tarabele aproape goale,
triste de a-şi vedea surorile
trimise pe alte meleaguri
în timp ce la noi se murea de foame.
Astăzi, totul a rămas o dureroasă amintire
în cupa zilei de ieri,
şi totuşi bem aceeaşi amărăciune,
mâncăm tot o bucăţică de pâine uscată
în faţa vitrinelor strident luminate,
în lumina înşelătoare a gigantelor supermarketuri,
supraîncărcate cu produse umflate
care sfidează aceeaşi sărăcie a buzunarelor,
care au muşcat nemiloase câmpurile noastre fertile
pentru a face să se înalţe aceşti giganţi ai false bunăstări.
Pe blândele noastre dealuri,
toamna legăna ciorchinii bogaţi ai viilor,
fericiţi să devină vin
în paharul sărbătorii
care celebra generozitatea pământului.
Tot acolo, între albastrul râurilor,
dealurile aşteaptă în zadar
vremurile de altădată
întrebându-se unde or fi strugurii şi vinul lor?!
Au murit în beţia puterii,
in ciorchinii intereselor meschine
care se leagănă neruşinati
pe tulpina lăcomiei
unei societăţi noi şi înşelătoare
în timp ce noi,
biete creaturi visătoare
în credulitatea noastră,
devenim, puţin câte puţin,
în fiecare zi,
boabe uscate la masa tot săracă
pe care plânge faţa albă de masă
murdărită de boala
Marilena Rodica Chiretu-10.06.2010
Una colomba sulle palme

Un ombrello verde
spegne un’ ombra della sponda,
si apre nella cima del tronco
dondolando la fierezza
dei suoi palmi sull’ onda,
nel porto, presso un battello,
la spiaggia conserva nella sabbia
il ricordo di Cristoforo Colombo,
del viaggio che scoprì
il Nuovo Mondo;
forse era anche lì
la stessa primavera,
gli stessi fiori buttati
nell’acqua dei desideri;
lo scollo della terra
stringe il mare
nelle braccia delle luci
e dei vecchi sentieri,
brillano i remoti tesori
tra le ombre delle salme,
sulle ali del vento marino
sorride il ricordo del marinaio,
in un nocciolo di luce
sta nascosto Colombo
aspettando che si collochi

una colomba sulle palme...

Il sogno e lo stagno
Nel cerchio della mente,
nasce un sogno del mare,
quando il giorno è notte
e la notte perde le stelle,
o quando la luce arde
nei raggi dei desideri
sperando di far vivere
il volo franto dell’ oscuro ieri;
ha paura di abbandonare gli occhi,
rimane sulle ciglia delle onde,
bacia il viso che gli ha dato il sorriso
per far brillare lo stagno dei giochi;
due ali in bianco e nero
lo rubano per il loro volo,
galleggia tra lidi lontani,
soffocato in un angolo della malattia
dove giaciono gli amori frustrati
e i pensieri perduti sui sentieri,
annegato dagli attimi di nostalgia
sparge il rotondo della mente
e il sogno rovescia nello stagno
le parole amanti
della volgare
armonia
Marilena Rodica Chiretu
16 aprile, 2008.

Lettera della lontananza

Si spegne la primavera nel freddo della pioggia
che spietata cade sulle spalle del tempo,
le lacrime amare intrecciano le ciglia,
gli occhi si annegano tra i fogli del giornale.
La mente è abbagliata dal bianco della carta
quando le lettere vestite nell' abito da lutto
risuonano negli accordi del triste funerale
e i più bei ricordi uccidono del tutto.
Si spegne anche lo schermo nel fulmine dei suoni,
le onde spaziali il senso hanno perso,
non vedo il sereno dalla stessa finestra
che un giorno mi aprì la vita verso il mondo.
Ferito è il tempo che vissi nell’oscuro
quando brillava solo la luce delle stelle
guardo la lontananza che spegne il mio sogno,
in un bicchiere vuoto freme l’onda più ribelle.
Aspetto la saggezza della dolce stagione,
la nuova primavera in mente fiorirà
quando nella corolla del nostro girotondo
con le mani in mano sapremo assaggiare
una a una
le gocce dell' amore e della verità.

Marilena Rodica- 26 aprile, 2008

 
Video personale.
 Logo Design by FlamingText.com
Logo Design by FlamingText.com