Sono una foglia al vento...

  Leaf - Help SelectPagina musicale.

Armik - Romantic Guitar

Sono una foglia nella voglia del vento, nonostante sia spuntata sull’ albero della vita, tra le braccia calde dei suoi rami soleggiati dal sole ardente del luglio.

Faceva caldo, le visciole stavano per maturare, quando nacqui io, nella corolla intrecciata dall’ amore dei miei genitori. Dal piccolo e fragile fiore, aperto nel grembo della famiglia, mi sono trasformata in una foglia vestita delle sfumature verdi e forti della speranza. Di giorno, guardavo il sole per rubargli il caldo che spegnesse il freddo delle nostre case; di notte, guardavo le stelle, rubando a loro la luce per le nostre sere in buio. La primavera mi donava il polline dei fiori per i poveri, l’ estate mi portava per i boschi profumati dalla resina degli abeti, regalandomi la fierezza dei tronchi alti e dritti che, anche nell’ oscurità, riuscivano a guardare la serenità del cielo.

Eppure, da sempre, io mi sono sentita solo una foglia portata, di qua e di là, dalla voglia affamata del vento, quando troppo ardente, quando troppo freddo, quando tempestoso, sempre pronto a divorarmi.Perciò, ho acquistato la forma di una foglia con i confini ricamati dai denti malvagi che provavano ad entrare nello spazio delle mie nervature, i sentieri della mia mente.

Ho acceso i colori rossicci nell’ abbraccio e nel bacio dell’ amore; ho rinfrescato la mente e l’ anima nell’ ebbrezza della giovinezza del corpo e dei pensieri e mi accarezza ancora il soffio leggero della primavera che gira intorno ai miei rami. Sono però, anche una foglia autunnale, atterrita dalle bufere della vita, con macchie di brina fredda, di un’ ingannevole bellezza. Cado in terra, ma chiamo sempre un altro vento caldo ad alzarmi, portandomi in diversi alberi, per scoprire nuovi orizzonti, non mi piace giacere nel manto tranquillo delle foglie secche.

Sono una foglia sulla quale gocciano, talvolta, le lacrime della rugiada mattinale C’ è chi mi vorrebbe soltanto una foglia tra le pagine ingiallite di un libro; c’ è chi sogna di avremi nel suo erbario e gli altri vorrebbero sapere tutti i movimenti delle mie nervature. Siccome, non possono avermi e saperne, dato che io sono una foglia matura che fa il suo meglio per affrontare le intemperie, mi tormentano e mi avvolgano nelle loro ombre silenziose, mi annegano le sfumature della speranza e mi portano nel gioco dello stesso vento.

Rimango però ancora, nell’ albero forte del mio giardino, tra i tronchi degni dello stesso frutteto, rotolando con le mani e con gli occhi i pensieri della mela matura, perché la mia foglia ha fatto spuntare delle radici nella sua terra e si nutre con l’ acqua fresca delle eterne sorgenti. Sono una foglia nella voglia del vento, ma guardo ancora il mondo e la gente con amore perché i miei sguardi sono due foglie sempre verdi...

Marilena Rodica Chretu